Biscottini croccanti per cani beneducati

DogTreats1

Anche ai nostri amici a quattro zampe piace trattarsi bene in fatto di alimentazione. Beninteso, sono delle buone forchette in generale (i cani che ho avuto quando ero bambina ad esempio mangiavano qualsiasi cosa venisse loro proposta: pasta, carne, ossicini, eccetera eccetera…), ma non disdegnano qualche manicaretto una volta ogni tanto, e soprattutto adorano ricevere un premio goloso quando sono stati bravi. E se il premio è fatto da voi, sono sicura che loro sentiranno il gusto di tutto l’amore che ci avete messo dentro, e vi vorranno bene più che mai.

DogTreats5

DogTreats2

Biscotti per cani
300g di farina (bianca o integrale) + ancora una manciata per impastare
60g di farina di mais
5-6 carote
3 banane mature
1 uovo
70ml di olio di semi
120ml di acqua
:: Si mischiano le due farine in una ciotola capiente. Si pelano le carote e si grattuggiano grossolanamente, mentre si schiacciano le banane con una forchetta. Si aggiungono entrambe alle farine, poi si uniscono l’uovo, l’olio e l’acqua e si mischia bene fino ad ottenere un impasto omogeneo. Se l’impasto è troppo morbido si può aggiungere a questo punto ancora un po’ di farina (si deve ottenere una palla morbida ma non appiccicosa). Si mette l’impasto in frigorifero per una mezzoretta circa, poi si infarina molto bene un piano di lavoro e si stende la pasta a mezzo centimetro circa di spessore. Si tagliano i biscotti (io ho usato una rotella tagliapasta, ma si possono anche usare delle formine per biscotti) e si mettono su una teglia ricoperta di carta da forno. Si fanno cuocere i biscotti in forno preriscaldato a 180° per circa 40 minuti, poi si spegne il forno e vi si lasciano i biscotti ancora finché il forno è caldo, in modo che i biscotti diventino ben croccanti.
Si tolgono i biscotti dal forno e si conservano in una scatola chiusa o in un sacchetto richiudibile per qualche settimana.

DogTreats4

DogTreats6

Ho testato questi biscottini sulla piccola Ally, che è piena di energia ed è molto golosa. Ha apprezzato moltissimo, e anzi dopo aver assaggiato il primo biscotto non stava più nella pelle per averne un secondo. Esperimento riuscito insomma.

DogTreats3

Continue Reading

Fagottini filanti al cumino

MezzeluneFormaggio1

Toglietemi tutto, ma non il formaggio. Perché io semplicemente lo adoro, e lo metterei davvero in ogni ricetta – volete mettere quanto migliora un piatto quando c’è dentro qualcosa dalla consistenza morbida e filante e dal sapore pieno e avvolgente?! E se una cosa così buona diventa il ripieno di piccoli fagottini speziati, beh io vado proprio in brodo di giuggiole e non ce n’è più per nessuno. Tra l’altro visto che si avvicina il weekend, questa ricetta è ideale per un aperitivo sfizioso che non sia il solito patatine e salatini, che sinceramente son buoni ma fanno un po’ tristezza, e invece un po’ di allegria non guasta.

MezzeluneFormaggio2

MezzeluneFormaggio3

Fagottini al formaggio filante e cumino
1 porzione di pasta per pizza o per focaccia
50g di parmigiano grattuggiato
50g di fontina tagliata a cubetti piccoli o grattuggiata grossolanamente
50g di emmenthal tagliato a cubetti piccoli o grattuggiato grossolanamente
1 cucchiaino di cumino in polvere + 1 pizzico
:: Si mischiano innanzitutto i 3 formaggi e si aggiunge un cucchiaino di cumino.
Si stende la pasta e si ricavano dei dischetti con un tagliapasta rotondo oppure con un bicchiere, si riempie ogni disco con un cucchiaio di riepieno e si chiude la pasta a mezzaluna, schiacciando i bordi con la punta di una forchetta (io ho usato questo stampino per ravioli che è comodissimo). Si mettono i fagottini su una teglia ricoperta di carta da forno e si spolevano con ancora un pizzico di cumino in polvere. Si mettono a cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa 15 minuti, finché non saranno belli dorati.

MezzeluneFormaggio4

 

Continue Reading

Zuppa di pomodorini arrosto

RoastedTomatoSoup1

Chi lo sapeva che Maggio quest’anno cadeva in autunno?! Io proprio no, e anzi io proprio non me l’aspettavo ed ero già bell’e pronta con tutta la mia migliore attitudine primaverile: indossare vestiti leggeri, fare lunghe passeggiate esplorando nuovi luoghi, mangiare almeno un gelato al pistacchio al giorno…insomma cose così, frivole e spensierate, cose che mettono di buon umore solo a pensarci. Mai avrei pensato di trovarmi qui a desiderare una tazza di zuppa fumante per confortare una giornata triste e uggiosa.
E invece va proprio così, e quindi non posso far altro che sperimentare un piatto che avevo tenuto da parte in attesa di tempi più appropriati. Siccome la zuppa di pomodoro mi piace moltissimo e mi ricorda la mia amata terra d’Albione, oggi ne provo una variante dal sapore leggermente più deciso, con i pomodorini fatti arrostire per diventare ancora più dolci e gustosi.

RoastedTomatoSoup4

Zuppa di pomodorini arrosto
[x 2-3 porzioni]
500g di pomodori già puliti e lavati [io ho usato i datterini che sono quelli che preferisco]
2 spicchi d’aglio pelati
Timo, sale e pepe
Olio extravergine d’oliva
250ml di brodo vegetale
1 mozzarella
:: Si tagliano i pomodori a spicchi e si mettono su una teglia ricoperta di carta da forno. Si aggiungono gli spicchi d’aglio tagliati a pezzetti (o schiacciati), poi si irrora con olio d’oliva e si cosparge di timo, sale e pepe macinato. Si mette la teglia in forno preriscaldato a 180° per circa una trentina di minuti. Quando i pomodori sono ben arrostiti, si tolgono dal forno e si traferiscono insieme ai succhi di cottura in una pentola capiente, si aggiunge il brodo vegetale e si fa cuocere per una ventina di minuti, poi si frulla molto bene e si serve immediatamente con un filo d’olio extravergine d’oliva a crudo e delle fette di mozzarella.

RoastedTomatoSoup3

Continue Reading

I miei 10 locali preferiti a Berlino

Berlin-Food

Se pensate che a Berlino il cibo sia solo Currywurst, Krauti e patate bollite, beh vi sbagliate di grosso miei cari. Non solo Berlino è culturalmente parlando una delle città europee più attive e all’avanguardia, ma lo è anche dal punto di vista della sperimentazione culinaria. Le vie del centro sono un susseguirsi di locali, caffè, bar e ristoranti incredibilmente cool, ambienti moderni e menù squisiti. Viene voglia di provarli tutti uno dietro l’altro. Io non li ho proprio provati tutti tutti, ovvio, ma tra quelli dove sono stata ho scelto i miei 10 preferiti in assoluto.

Berlin-Food2

Wonderpots
[Wonderpots – Georgenstraße, S-Bahnbogen 194, Berlin Mitte]
:: Proprio sotto le arcate della S-Bahn vicino alla stazione di Friedrichstraße, questo locale è specializzato in frozen yogurt: si decide la misura della coppetta, il cameriere la riempie di yogurt-gelato, e poi ci si può sbizzarrire con i toppings, mixando cosine delizione come caramelline mou, salsa al cioccolato bianco, coulis di frutti rossi, granella di nocciole, eccetera eccetera per una lista lunghissima di aggiunte squisite.

Glücklich am Park
[Glücklich am Park – Kastanienallee 54, Berlin Prenzlauer Berg]
:: Kauf dich glücklich è una piccola catena tedesca di negozi di abbigliamento, articoli per la casa e piccoli altri oggetti di design. In questo negozio all’angolo tra Kastanienalle e il Volkspark am Weinbergsweg lo stile moderno ed essenziale degli articoli in vendita al primo piano si uniscono all’aroma dello zucchero a velo spolverato sui waffles caldi del piccolo caffè al pian terreno. Una stanzetta piccola piccola, arredata con tavolini e sedie spaiate dal gusto retrò, ma sempre piena zeppa di mamme con bambini e altri abitanti del quartiere che vengono qui per una cialda croccante o per una pallina di gelato. Se si pensa che glücklich vuol dire felice, mai nome qui fu più azzeccato.

Berlin-Food4

Der Imbiss W
[Der Imbiss W – Kastanienallee 49, Berlin Prenzlauer Berg]
:: La W del nome è scritta nello stesso font della M di McDonald’s, solo sotto sopra. La provocazione è evidente: qui ogni piatto è preparato al momento con ingredienti freschissimi e vegan friendly, il menù cambia di frequente e tutto è super salutare. Insomma l’idea del fast food è ribaltata e portata all’estremo opposto.

Berlin-Food5

RisOtto
[RisOtto – Friedrichstraße 115, Berlin Mitte]
:: Se non è chiaro, questo ristorante fa solo risotti. E li fa davvero bene, cambiando ogni giorno la lista di ingredienti e le combinazioni (sempre interessantissime). Insomma una cosa semplice ma ben fatta è meglio di tanti virtuosismi culinari.

Markthalle Neun
[Markthalle Neun – Eisenbahnstraße 42/43, Berlin Kreuzberg]
:: Ogni giovedì sera dalle 18 alle 22 questo spazio nel quartiere di Kreuzberg dedicato al mercato orionale si trasforma nel paradiso dello street food internazionale. Decine di stand super gremiti offrono delizie di ogni genere, tutte di ottima qualità e preparate al momento: ravioli al vapore, tapas, focacce genovesi, mini burger, naan farcito, polpette di carne, quiche, pasta fresca al tartufo, gelato al tè verde… Si vorrebbe provare tutto!

Berlin-Food7

Hummus & Friends
[Hummus & Friends – Oranienburger Straße 27, Berlin Mitte]
:: A due passi dalla sinagoga, un locale ebraico con le idee chiare e semplici: qui si fa hummus. Di vari tipi, e in varie combinazioni, ma solo hummus. E come per il locale specializzato in risotti, anche qui il piatto forte è innalzato al top della qualità.

Berlin-Food8

Varga Hennecke
[Varga Hennecke – Oderberger Straße 14, Berlin Prenzlauer Berg]
:: Il mercatino delle pulci domenicale di Mauer Park è a due passi da qui, per cui in questo ristorantino non è difficile essere seduti vicino a gente fichissima pronta a passare il pomeriggio tra le bancarelle di oggetti vintage e abbigliamento di seconda mano. Così questo locale diventa il posto perfetto per il brunch della domenica (i menù che offre sono buonissimi e abbondanti), da mangiare con calma seduti agli sgabelli del bancone, o all’aperto sui tavolini di legno un po’ sghimbesci.

Berlin-Food9

Sucre et Sel
[Sucre et Sel – Torstraße 132, Berlin Mitte]
:: Per chi ha voglia di piatti raffinati come solo i francesi sanno fare, questo ristorantino dall’atmosfera rustica e accogliente è davvero perfetto. A pranzo è possibile mangiare un piatto di zuppa del giorno e una fetta di quiche per pochissimi euro, la sera i piatti sono più raffinati e il vino è ottimo. Il cameriere parla tedesco con un fortissimo accento francese per cui direi che non manca proprio niente.

Berlin-Food10

Shiso Burger
[Shiso Burger – Auguststraße 29 c, Berlin Mitte]
:: Provate ad immaginare come sarebbe combinare insieme il concetto di hamburger con la cucina asiatica. Interessante vero?! E’ esattamente quello che fanno da Shiso Burger: polpetta di scampi alla soia con senape al miele, hamburger di vitello marinato in salsa teriyaki, bistecca di tofu con melanzane grigliate… in più tutto quel che è jappo: fagiolini edamame, kimchi, gelato al matcha, mochi e tutto il resto.

Berlin-Food11

St Oberholz
[St Oberholz – Rosenthaler Straße 72A, Berlin Mitte]
:: Il St Oberholz è nato come locale per il coworking, trasformandosi poi in mini-catena di bar di tendenza: arredamento ultra moderno, wifi gratuito ultraveloce, musica di sottofondo stilosissima, cibo biologico e la clientela più cool di tutta Berlino che lavora al proprio mac gomito a gomito. Il mio posto preferito dove passare i pomeriggi a fantasticare di possibili vite berlinesi.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Questa top 10 non è ovviamente esaustiva di tutti i locali strafighi che popolano le vie di Berlino. Di liste come queste ne potrei fare ancora almeno un paio, e ancora non avrei finito. Però mi piacerebbe anche avere il vostro parere! Se di recente siete stati a Berlino e c’è qualche locale interessante che avete provato mi piacerebbe conoscerlo!

Continue Reading

Cake alle noci e marmellata di arance

CakeNociMarmellata1

Ah, la colazione! Io la adoro e non posso proprio fare senza, altrimenti la giornata va sicuramente storta. Ma una cosa che forse adoro ancora di più della colazione, è il profumo che riempie la casa quando la si prepara, si tratti dell’odore un po’ bruciacchiato di una semplice fetta di pane tostato, il profumo caldo dei pancakes appena fatti, l’aroma che rimane forte dal giorno prima di un dolcetto tolto dal forno. E’ come un invito, un modo gentile per dire: buongiorno, mangia queste cose buone e la giornata ti sorriderà.

CakeNociMarmellata2

Cake alle noci e marmellata di arance
180g di farina (io ho mischiato 100g di farina bianca e 80g di farina integrale)
3 uova
100g di zucchero di canna
150g di burro
4-5 cucchiai di marmellata di arance (se volete farla in casa potete provare questa versione)
1 tazza di noci tritate grossolanamente
1 cucchiaio di lievito in polvere
1 pizzico di sale
:: Innanzitutto si sbattono le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto liscio e soffice. Si aggiunge il burro lasciato ammorbidire, poi le noci e il sale, infine la farina mischiata con il lievito. Per ultima si aggiunge la marmellata, senza mischiare troppo in modo che non si amalgami del tutto che che vada a creare delle “macchie”. Si versa in uno stampo imburrato e infarinato (io ho suddiviso l’impasto in quattro stampini più piccoli, ma si può usare volendo anche uno stampo per muffin) e si mette in forno preriscaldato a 180° a cuocere per circa 45 minuti (meglio sempre controllare la cottura con uno stecchino), poi si lascia raffraddare e si sforma.

CakeNociMarmellata3

E voi avete un mantra o un’abitudine che vi fa iniziare bene la giornata? Raccontatemelo, sono proprio curiosa di saperlo!

Continue Reading

Bustine fai-da-te di tè nero speziato

DIY Tea Bags 1

Volevo regalare del tè ad una coppia di amici amanti delle cose naturali, e volevo che il tè fosse innanzitutto buono e dal sapore un po’ originale, ma anche confenzionato in modo grazioso e soprattutto non volevo spendere una fortuna. Non che non ci sia l’imbarazzo della scelta in fatto di tè esotici in confezioni stilose, anzi è proprio il contrario… Però come mio solito volevo aggiungere qualcosa di unico al regalo, quell’attenzione in più che secondo me solo i regali fatti a mano riescono ad avere – certo non sempre è così: ci sono cose che è impossible riprodurre in maniera artigianale e ci sono regali fai-da-te che per carità non si possono vedere… però non foss’altro che per lo sforzo in più, l’homemade vince quasi sempre.

DIY Tea Bags 2

E’ così che è nata l’idea per queste bustine handmade di tè nero alle spezie. Ho usato come base un tè nero Earl Grey di Fortnum & Mason e a questo ho aggiunto un mix di spezie che ricorda un po’ quello del Gluhwein natalizio, perché volevo ricreare un sapore caldo perfetto per le giornate invernali.
Poi siccome in questo periodo ho una fissazione maniacale per tutto ciò che è esagonale, le mie bustine non potevano che avere 6 lati.

DIY Tea Bags 3

Bustine fai-da-té con tè nero alle spezie
[x confezionare una scatolina con 10/12 bustine]
sacchettini di carta telata per tè sfuso (come questi – si trovano anche nei negozi specializzati in tè)
50g circa di tè nero in foglie
3-4 cucchiaini (a piacere) di mix di spezie in polvere: cannella, zenzero, pepe nero, chiodi di garofano, cardamomo
ago e filo sottile + macchina per cucito
forbici e pinzatrice
1 foglio di carta colorata/da pacco/…
1 scatolina quadrata (io ho usato una scatola di Altromercato)
:: Innanzitutto si prepara il mix di tè e spezie, mischiando bene insieme tutti gli ingredienti. Qui le combinazioni possono essere praticamente infinite: rooibos + vaniglia, té + menta, karkadé + bacche rosse…
Per creare le bustine, si sceglie per prima cosa quale forma dovranno avere: se decidete di farle quadrate ad esempio, siete facilitati dal fatto che i sacchettini di carta telata sono già chiusi su 3 lati e quindi dovete chiuderli solo su un lato; ma potete decidere anche di fare bustine triangolari, rotonde, a forma di cuore… In ogni caso la cosa migliore da fare è disegnare una forma master su un pezzo di foglio, ritagliare la dima e ricalcarla sui sacchettini in modo che siano tutti più o meno uguali. Per le mie bustine ho scelto una forma esagonale, e se vi state chiedendo come accidenti abbia fatto a disegnare una forma quasi perfetta, beh la risposta alla vostra domanda la trovate qui!
Dopo aver segnato la forma su un lato del sacchetto (su ogni sacchetto ho fatto stare 2 forme) si passa a cucire i bordi: inizialmente avevo pensato di cucire a mano con ago e filo, ma dopo alcune prove mi sono resa conto che innanzitutto i punti venivano troppo irregolari, e inoltre l’ago (per quanto sottile) lasciava dei buchi troppo grossi nella carta, col rischio che questa si rompesse. Per cui, a meno che non siate maestri nell’arte del cucito, il mio consiglio è quello di usare la macchina per cucito: i punti sono regolari e sottili e lavorando con delicatezza la carta rimane intatta*. La cosa IMPORTANTE da fare è ricordarsi di lasciare 1 lato aperto (o uno spazio aperto nel caso ad esempio di un cerchio), altrimenti non è più possibile riempire le bustine (ovvio, ma non scontato…)
Si rifilano con la forbice i lati cuciti, lasciando un paio di millimetri tra il taglio e la cucitura in modo che questa non si disfi. Si riempiono quindi le bustine usando un piccolo cucchiaino o aiutandosi con un mini conetto di carta. Se avete una bilancia digitale e volete essere precisi, potete calcolare circa 2 grammi di tè per porzione – in ogni caso la bustina non deve essere troppo piena. Una volta messo il tè, si completa la cucitura sull’ultimo lato, lasciando alla fine del filo in eccesso che servirà per attaccare il cartellino.
Si ritagliano dei piccoli cartellini da un foglio di carta colorata (io ho usato di nuovo il tema esagonale) e si pinzano all’estremità del filo. Si mettono le bustine in una scatolina e la confezione è pronta!

TeaBags4

TeaBags3

* per questo progetto il lavoro di cucito è “sponsored by” mia mamma che con le sue manine dorate e la sua santa pazienza ha contribuito alla perfetta riuscita di questo progetto. Grazie ma!

Continue Reading

Burro d’arachidi fatto in casa

Homemade Peanut Butter 1

Durante le due settimane passate in Vermont la scorsa estate, mi sono spesso fermata a fare la spesa in un supermercato specializzato in organic food, in cibo bio, ma bio per davvero – tipo che i contadini della zona portano lì quotidianamente i loro prodotti per essere venduti, e i cibi vengono per la maggior parte venduti sfusi (compri la confezione una volta, e quella dopo te la riporti da casa e non la paghi più). In questo paradiso della spesa alimentare ho avuto un’illuminazione tanto semplice quanto geniale: c’era su uno scaffale un grosso tubo trasparente pieno di arachidi già sgusciate, e in fondo al tubo era attaccata una specie di manopola che se girata faceva scendere le noccioline già trasformate in burro d’arachidi. Così, solo schiacciandole. E così mi sono resa conto che il burro di arachidi – udite udite! – è fatto SOLO con arachidi. E nient’altro. Nella mia mente c’erano ingredienti complicatissimi come estratti di questo o emulsioni di quello…e invece niente. Solo semplici noccioline da schiacciare, tritare, mischiare e poter spalmare a volontà su una fetta di pane.

PeanutButter2

Burro d’arachidi
:: Per ottenere 2-3 vasetti di burro d’arachidi ci vogliono circa 500gr di arachidi già sgusciate. Basta metterle nel mixer e azionarlo per circa una decina di minuti. La magia viene da sé: le arachidi prima diventeranno tutte triturate grossolanamente, poi si creerà una polvere compatta e poi a poco a poco l’impasto diventerà sempre più liscio e cremoso! Se vi pare che la crema sia troppo densa/pastosa, si può aggiungere un cucchiaino o due di olio di semi, ma di solito non è necessario. Una volta ottenuta la consistenza giusta, si mette il burro d’arachidi nei vasetti e si conserva fino a un mese (non dovrebbe essere necessario, ma io lo tengo in frigorifero per sicurezza).

PeanutButter3

PeanutButter4

E voi invece? Avete mai avuto qualche “illuminazione culinaria”? Raccontatemi un po’!

PeanutButter5

Continue Reading

Hummus di zucca

PumpkinHummus1

Il fatto che adori l’hummus e in generale tutte le cose super cremose non è di certo una di quelle cose coperte da segreto professionale, anzi tutto il contrario. Ormai ho fatto talmente tanti esperimenti (questo ad esempio – e ce ne sono un altro paio in arrivo) che potrei perfino arrivare a definirmi un’esperta in materia ;-P
E allo stesso modo sapete bene quanto mi piace la zucca (se servissero delle prove le trovate qui, qui e qui, e potrei aggiungerne  ma non vorrei risultare troppo insistente). Comunque sia la adoro, e trovo che stia bene con una lista infinita di cose buonissime (altre verdure, spezie, ricette salate, cosine dolci…). E se aggiunta alla ricetta classica dell’hummus, il risultato è una crema di un colore allegrissimo e dal sapore agrodolce. Guardacaso proprio due delle cose che amo trovarmi davanti quando si tratta di cibo.

PumpkinHummus2

Hummus alla zucca
1 spicchio d’aglio
1 lattina di ceci (già scolati e sciacquati)
200gr circa di purea di zucca (la polpa di 1 spicchio circa, lessata e passata in purea)
3 cucchiai d’olio d’oliva
2 cucchiai di tahini
1 cucchiai di sciroppo d’acero
1 pizzico di sale
:: Si mettono tutti gli ingredienti nel mixer e si frullano per bene fino ad ottenere una crema liscia e morbida. Se la crema dovesse risultare troppo densa si aggiunge ancora un po’ di olio fino ad ottenere la consistenza giusta.
Si serve l’hummus con del pane naan, delle tortillas o nelle piccole tigelline calde.

PumpkinHummus3

Continue Reading

Cosa fare col pandoro avanzato: il french toast di Jamie

Pandoro French Toast 1

Non so come funziona da voi, ma chez moi ogni anno dopo le festività mi ritrovo la dispensa piena di panettoni a metà, ritrovati di pandoro con lo zucchero a velo umidiccio e rimasugli di cioccolatini e dolcetti dal sapore natalizio. Certo, tutte cose che possono essere mangiate a colazione per le settimane a venire, ma sapete com’è, io poi mi annoio se mi tocca mangiare la stessa cosa per più di due mattine di fila, e il rischio è quello che mi dimentichi degli avanzi fino a data da destinarsi… Così, volendo trovare qualche idea sfiziosa per dare un’altra faccia e un altro sapore alle scorte natalizie, ho pensato di prendere spunto da una ricetta del nuovo libro di Jamie Oliver “Everyday Super Food”: un french toast ripieno ai lamponi che a vederlo sul libro farebbe resuscitare i morti. Certo il libro tratta di cibi sani e non parla proprio per niente di pandoro o cose simili, ma una libertà stilistica ogni tanto non si nega a nessuno, e poi ho pensato che se il pandoro è di ottima qualità, sono certa che Jamie approverebbe comunque.

Pandoro French Toast 2

French Toast di Pandoro ripieno ai Lamponi
(da una ricetta del libro “Everyday Super Food” di Jamie Oliver)
[dosi x 1 porzione]
1 fetta di pandoro spessa circa 3cm (ricavata tagliando il pandoro in orizzontale)
1 uovo
1 cucchiaio di yogurt magro (meglio se piuttosto liquido)
1 pizzico di cannella
1 manciata di lamponi
olio di oliva
zucchero a velo e semi di zucca (facoltativi)
:: Si taglia delicatamente il centro del pandoro, creando una tasca ma senza arrivare con l’incisione fino al bordo. Si riempie la tasca di lamponi, schiacciandoli bene per farcene stare un bel po’, ma senza rompere il pandoro.
In una fondina capiente si mischia l’uovo leggermente sbattuto con lo yogurt e la cannella, poi ci si mette la fetta di pandoro e si lascia che si inzuppi bene, rigirandola un paio di volta su entrambi i lati.
Si fa scaldare una padella antiaderente con un filo d’olio di oliva e ci si mette a friggere il toast, versando anche il composto d’uovo in eccesso in modo che si formi una crosticina bella spessa. Si passa da entrambi i lati per un paio di minuti, finché l’uovo è dorato e il pandoro inizia a diventare croccante – è importante fare molta attenzione quando si cambia lato perché i lamponi non devono uscire!
Si serve il toast ancora caldo con una spolverata di zucchero a velo e una manciata di semi di zucca (e perché no una cucchiaiata di yogurt e ancora qualche lampone fresco).

PandoroFrenchToast3

E da voi che succede dopo Natale? Anche voi siete sommersi di cibo delle feste? Come lo riutilizzate? Raccontatemi un po’!

Continue Reading

Frullato speziato ai cachi

persimmonSmoothie1

Se penso a tutti i cachi che ho mangiato in queste settimane, mi viene da credere che presto la pelle mi diventerà arancione e i capelli si trasformeranno in un grazioso picciolo marroncino. La nostra piccola pianta in giardino ne ha fatti 6 (deve ancora crescere, l’abbiamo piantata lo scorso inverno) però da ogni dove sono arrivati amici e parenti manco fossero i re magi con cassette stracolme di cachi che volentieri abbiamo accettato e messo in cantina a maturare. Tra l’altro quella sua consistenza un po’ viscidina che a tantissime persone non piace è proprio una delle cose che amo di più di questo frutto cicciottello, tanto da renderlo uno dei miei frutti preferiti. Una delle gioie dell’autunno insomma.
E siccome capita anche il i cachi abbiano un sacco di proprietà benefiche (fibre, potassio, vitamina c e tante altre cosine), non c’è ingrediente migliore per la colazione dell’autunno, magari frullato insieme ad un cucchiaio di yogurt e a qualche spezia, che in questo periodo riscalda e comunque non guasta mai.

persimmonSmoothie2

Frullato speziato ai cachi
[x2]
1 tazza di latte
1 tazza di yogurt magro
2 cachi ben maturi
1 cucchiaino di mix di spezie per pan di zenzero (oppure un mix di cannella, noce moscata e cardamomo)
1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia
:: Si pelano e cachi e si tagliano a tocchetti, poi si mettono nel frullatore insieme a tutti gli altri ingredienti e si frulla bene fino ad avere una crema liquida e liscia.

persimmonSmoothie3

Continue Reading