Barcelona /2 [Vita Catalana]

Barcelona /5 (Barri Gotic)

Mi sono chiesta più volte in questi giorni passati a Barcellona cosa sarebbe stata questa città senza Gaudì (e questo a livello turistico soprattutto – code intrerminabili aspettano di visitare i luoghi e gli edifici ideati dal suo genio).
La risposta è semplice: si trova dietro gli angoli inaspettati di questa città, nei vicoli bui e misteriosi sopra i quali pendono i panni stesi ad asciugare, stampata sui disegni art decó delle facciate delle case.

Barcelona /6 (La Rambla)

Barcelona /7 (La Ribera)

Dopo Gaudì, a Barcellona colpisce la vita, ma non quella superficiale della vita notturna attorno alla Rambla, bensì quella più profonda di una Catalunya autentica. Colpisce la tranquillità delle persone che passeggiano per strada, il desiderio di voler comunicare anche quando si usano lingue diverse “che tanto l’italiano è simile per cui il senso si capisce”, il sorriso e l’allegria delle persone che chiaccherano tra loro in catalano, la ritualità che si ripete ogni sera nei bar de tapas, la spontaneità dei gesti più piccoli, un bacio mandato da un ragazzo seduto al finestrino di un autobus. Colpiscono gli scorci veri di vita catalana.

Barcelona /8 (Vita Catalana)

ó

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *